Mar Rosso, il terrorismo farà impazzire i prezzi al distributore

Spesso ci sfuggono le connessioni sottili tra eventi apparentemente distanti e ciò che viviamo. È il cosiddetto “effetto farfalla”.

Nel tessuto complesso della realtà globale, spesso ci sfuggono le connessioni sottili tra eventi apparentemente distanti e la nostra vita. Tuttavia, è importante riconoscere come queste interazioni possano avere un impatto tangibile sulla nostra vita quotidiana, creando un intricato intreccio di conseguenze. Per esempio, a molti sfugge come la crisi che sta vivendo l’area del Mar Rosso possa influenzare il costo del carburante. E non è l’unica conseguenza a un macroevento.

Mar Rosso, carburanti
Avete mai sentito parlare del cosiddetto “effetto farfalla”? – ermesagricoltura.it

Del resto, conoscerete l’ormai noto “effetto farfalla”, ossia la convinzione che un minimo battito d’ali di una farfalla sia in grado di provocare un uragano dall’altra parte del mondo. Gli esempi sono molteplici. L’innalzamento delle temperature globali potrebbe sembrare un fenomeno lontano, ma i cambiamenti climatici hanno un impatto diretto sulla produzione alimentare. Eventi meteorologici estremi, come siccità e alluvioni, possono compromettere le coltivazioni, influenzando la disponibilità e i prezzi degli alimenti che finiscono sulle nostre tavole.

Lo sviluppo tecnologico rapido, sebbene possa sembrare un fenomeno isolato nel mondo digitale, ha un impatto diretto sulla nostra vita lavorativa. L’automazione e l’intelligenza artificiale stanno trasformando industrie intere, con conseguenze tangibili sulla sicurezza dell’occupazione e sulla necessità di nuove competenze. La recente esperienza di pandemie globali ha dimostrato come la diffusione rapida di malattie possa impattare la nostra vita quotidiana in modi inaspettati.

Come la crisi sul Mar Rosso farà salire i prezzi del carburante

Dalla salute fisica all’organizzazione della società, eventi come questi mettono in evidenza l’interconnessione del mondo moderno. Le migrazioni di massa possono portare a una maggiore diversità culturale nelle nostre comunità locali. Questa interazione tra diverse tradizioni e stili di vita può arricchire il nostro contesto sociale, ma anche presentare sfide nel gestire l’integrazione e la comprensione reciproca.

Mar Rosso, carburanti
Guerre e tensioni incidono poi sulla vita di tutti noi – ermesagricoltura.it

E anche le crisi politiche in regioni lontane possono influenzare i mercati finanziari globali, con ripercussioni dirette sulla stabilità economica locale. Fluttuazioni nelle borse valori e nei tassi di cambio possono avere un impatto significativo sui risparmi personali, investimenti e costi di prestiti. L’intensificazione delle tensioni sul Mar Rosso, infatti, potrà sconvolgere (e, in realtà, lo sta già facendo) il mercato globale dei carburanti.

Sul Mar Rosso, a bordo di enormi navi, transitano circa 7,8 milioni di barili al giorno di greggio e carburante, rappresentando così l’11% del traffico globale, corrispondente a circa 19.000 navi all’anno. Solo il 12% del petrolio complessivo del mondo scambiato via mare nella prima metà del 2023 e l’8% del commercio di Gnl sono passati attraverso le acque del Canale di Suez. Gli attacchi alle navi mercantili fanno ritardare le consegne e lievitare i costi.

Le tensioni, dunque, inevitabilmente saranno patite anche da noi. Soprattutto con riferimento al prezzo dei carburanti nei distributori. Tra self service e servito, verde e gasolio crescono infatti di 3-5 millesimi negli ultimi giorni. Il prezzo medio nazionale in modalità self della benzina si attesta a 1,829 euro/litro. Quanto al prezzo del diesel, sempre in modalità self, la media è pari a 1,790 euro/litro, con le compagnie posizionate tra 1,789 e 1,799 euro/litro. Venendo al servito, il prezzo della benzina in media è di 1,967 euro/litro, con le compagnie che oscillano tra 1,913 e 2,045 euro/litro. La media del diesel è arrivata invece a 1,929 euro/litro, con i singoli player tra 1,875 e 2,003 euro/litro.

Impostazioni privacy