Perché ora conviene pensare all’acquisto di una casa

Dopo più di un anno, ora finalmente è il momento di tornare a pensare di acquistare una casa. Anzi: ora conviene farlo.

L’acquisto di una casa è sempre un passo importantissimo. Dopo mesi di “sabbie mobili” per il mercato immobiliare, ora si può ripartire: ora conviene ricominciare a pensare all’acquisto di un immobile.

Conviene acquistare casa
Ora ti conviene comprare casa/ Ermesagricoltura.it

Sono stati mesi durissimi tanto per le famiglie, quanto per le giovani coppie quanto per il mercato immobiliare. Comprare casa sembrava ormai un obiettivo impossibile da raggiungere a causa dei continui aumenti dei tassi di interesse stabiliti dalla Banca Centrale Europea. Non solo, per quasi due anni, molti si sono visti rifiutare il mutuo dalle banche.

Ma anche chi è riuscito ad ottenere il finanziamento, si è trovato a fare i conti con rate quasi raddoppiate nel giro di poco tempo. Per questo motivo molte famiglie, giovani coppie ma anche single hanno preferito rimandare il momento dell’acquisto e restare in affitto. Ora, tuttavia, la ruota è tornata a girare: secondo gli esperti del settore ora conviene tornare a pensare all’acquisto di una casa.

Acquistare casa: ecco perché ora ti conviene

Se pensavi che non avresti mai più coronato il tuo sogno di acquistare la tua prima casa, fortunatamente sbagliavi. Dopo mesi di rate dei mutui alle stelle o porte in faccia da parte degli istituti di credito, ora conviene di nuovo progettare l’acquisto di un immobile.

Canoni degli affitti sempre più alti
Ecco perché ora dovresti comprare casa/ Ermesagricoltura.it

Gran parte delle persone negli ultimi due anni non è riuscita ad ottenere un mutuo dalle banche per insufficienza di garanzie o a causa di uno stipendio ritenuto troppo basso. Molti, tuttavia, non ci hanno nemmeno provato a chiedere un finanziamento per il timore di trovarsi poi a fare i conti con rate ingestibili. Fatto sta che tanti sono rimasti a vivere in affitto.

Ma ora è il momento di ripensarci: acquistare conviene. E conviene non tanto perché i prezzi degli immobili sono calati ma perché i canoni degli affitti sono aumentati in misura spropositata. In testa alla classifica delle città italiane con affitti più alti troviamo Milano: nel capoluogo lombardo si pagano circa 775 euro al mese per l’affitto di un monolocale, 1068 euro per un bilocale e circa 1453 euro al mese per un trilocale.

Subito dopo troviamo Roma. Nella Capitale affittare un monolocale costa circa 613 euro al mese, con circa 797 euro si prende in affitto un bilocale mentre per un trilocale ce ne vogliono almeno 988. La terza città dove non conviene restare in affitto è Bologna: un monolocale costa 602 euro al  mese, un bilocale 734 e un trilocale 885.

A far aumentare in questo modo i prezzi è lo squilibrio tra offerta e domanda: nel settore degli affitti c’è troppa domanda rispetto all’offerta anche a causa del dilagare del fenomeno degli affitti brevi che ha preso sempre più piede proprio in città a forte vocazione turistica come Milano e Roma.

Impostazioni privacy