Angelina Mango: “In casa mai vista come talento”, il retroscena sull’infanzia

Angelina Mango, vincitrice della 74ᵃ edizione del Festival di Sanremo, proviene da una famiglia di artisti, ma non è mai stata una bambina prodigio. 

Il Festival di Sanremo  è una delle kermesse più importanti ed interessanti  nel panorama artistico italiano. Non solo una competizione canora, ma anche un momento di condivisione, critica, promozione culturale. I cantanti in gara, infatti, non portano sul palco solo testi e melodie ma anche un modo di essere ed esprimersi. La settantaquattresima edizione del Festival della canzone italiana ha rappresentato l’unione fra diverse generazioni di cantanti.

l'infanzia di Angelina Mango
Angelina Mango e la vittoria a Sanremo (Foto Ansa)- ermesagricoltura.it

Nel corso delle cinque serate ogni artista in gara ha avuto modo di catturare l’attenzione del pubblico a casa. Un pubblico di ogni età che ha avuto modo di prediligere un genere musicale piuttosto che un altro.  A trionfare, tuttavia, è stata Angelina Mango, giovane cantante lucana. Ventidue anni, tanta voglia di vivere e di emergere, e soprattutto già numerosi successi alle spalle. Dopo la partecipazione ad Amici per la giovane Mango, figlia del compianto Pino Mango e di Laura Valente, è stato un susseguirsi di successi. Da “Ci pensiamo domani” a “Che t’o dico a fà” la sua voce è fra le più ascoltate e amate in Italia. Figlia d’arte, con l’amore per la musica nel dna, la quale, tuttavia, ha saputo costruire una carriera da sola senza l’aiuto di nessuno.

Un brano innovativo e ritmato che le ha permesso di ottenere uno dei riconoscimenti più importanti per un cantante. E dopo ben dieci anni Angelina Mango è la prima donna a vincere Sanremo, difatti non accadeva dal 2014, con la vittoria di Arisa. L’infanzia della vincitrice di Sanremo è stata segnata dalla musica, ma a casa nessuno le ha imposto di seguire le orme dei genitori. 

L’infanzia di Angelina Mango fra musica e scelte non imposte

Angelina Mango è la vincitrice della settantaquattresima edizione del Festival di Sanremo. Sarà lei, infatti, a rappresentare l’Italia all’Eurovision con il brano “La noia”. Una voce vibrante e tanta grinta l’hanno contraddistinta non solo sul palco dell’Ariston ma anche all’interno della scuola di Amici. La musica è la più grande passione per la giovane di Lagonegro, e come si può ben pensare l’ha ereditata dai suoi genitori.

infanzia di Angelina Mango
Angelina Mango, figlia d’arte, conquista l’Ariston (Foto Ansa)- ermesagricoltura.it

Il padre, Pino Mango, prematuramente scomparso nel dicembre 2014, è stato una delle più belle voci della musica italiana. Anche la madre Laura Valente è una cantante, in passato ha fatto parte del gruppo Matia Bazar. Nata in una famiglia di artisti, la giovane Angelina ne ha subito sicuramente il fascino fin da bambina. Contrariamente a quanto si può pensare, però, non è mai stata influenzata nelle sue scelte. La passione per le note è innata nella ragazza, e nessuno dei due genitori hanno fatto si che iniziasse a suonare o cantare.

A casa è sempre stata trattata come una bambina normale, e non un talento da plagiare. Il suo talento naturale è emerso nel corso degli anni, e il suo amore per il mondo della musica l’ha spinta ad intraprendere questa strada. Ed oggi sua madre, e si spera da qualche parte anche suo padre, non può che essere orgogliosa dei risultati della figlia  e del loro modo di averla educata.

Impostazioni privacy